scritturaimmanente.it
home
scrittura immanente
autori
analisi testuale
letture
contributi
link

-- Kafka: vita e opere --la Praga di Kafka - autori praghesi ed ebraici - percorsi letterari

 

FRANZ KAFKA

LA METAMORFOSI

 

i racconti di Kafka: intepretazione


Considerazioni

 

Il racconto più noto di Kafka, "La metamorfosi", è uno dei più 'impressionanti', ed è anche quello che si presta alle più disparate interpretazioni.

Innanzi tutto racconta una storia, cosa che non accade nella maggior parte degli altri racconti, ed una storia di tipo familiare, quindi immersa nella quotidianità che ci è consueta (il lavoro, la famiglia, l'interno di una abitazione) - se non fosse che in questa quotidianità si insinuano l'orrore e l'estraneità più assolute e inverosimili.

Questa frattura tra la realtà e l'assurdo rende il racconto 'interessante', 'attraente'.

In pratica tutto si incentra su un unico fatto: il giovane Gregor Samsa un mattino si risveglia senza 'essere più lui', perchè nel corso della notte si è trasformato, senza nemmeno rendersene conto, in un insetto.

Il processo di autoriconoscimento e autoaccettazione avviene con maggiore facilità di quanto ci si possa attendere, poichè Gregor non mostra eccessiva meraviglia per il suo nuovo stato.
E' come se lo desse per scontato: le difficoltà maggiori vengono dopo, quando cerca di muoversi 'usando' quel corpo cui non è abituato, e nei rapporti con la sua famiglia, cui suscita orrore e da cui si sente appena tollerato.

Va sottolineato che Kafka è particolarmente bravo ad evidenziare il suo stato di angoscia e disperazione.

 

Una trama del genere sembra fatta apposta per stimolare il lettore all'interpretazione del testo, a cercare di tradurla secondo schemi logici.

Ciò può dar luogo a molte e facili interpretazioni.
Vediamone alcune: il sogno, cioè la traduzione di una fantasia onirica (Gregor si è appena svegliato, ed è ancora in quella fase in cui non si è ancora ben svegli); una pura fantasia letteraria; una trasformazione in animale sulla scia della tradizione delle fiabe; o, secondo schemi di derivazione psicanalitica, l'espressione di problemi o angosce dell'autore.

Tutte queste ipotesi contengono una parte di verità, perchè comunque Kafka attinge alla cultura che lo circonda o che l'ha preceduto.

 

Ma vediamo cosa parla contro queste ipotesi, rendendole non impossibili ma certamente insufficienti a spiegare gli avvenimenti narrati:

>> contro la tesi del sogno parla l'atmosfera assolutamente reale in cui Gregor è immerso;

>> che si tratti di una fantasia presa a prestito dalle fiabe, o di pura fantasia letteraria sembra riduttivo sia rispetto all'estrema cura con cui tutto viene descritto e narrato, sia rispetto al fatto che nel testo sono presenti forti emozioni che l'autore attinge per forza di cose a se stesso, alla sua esperienza;

>> l'interpretazione di derivazione psicanalitica lascia aperte troppe domande (la sua origine, la sua derivazione da parte dell'autore), e comunque non spiega il testo, che è pur sempre un'opera letteraria.

 

Un testo letterario ha delle caratteristiche peculiari che ne impongono un'interpretazione di tipo letterario - che tenga conto cioè del linguaggio e delle forme con cui questo si esprime.

La prima domanda cui rispondere sarà quindi se e a quale figura retorica corrisponda l'insetto in cui Gregor si è trasformato: la metafora o l'allegoria sembrano le più plausibili, anche se può sembrare affrettato fare ora un'affermazione del genere. (su)

 

 

 

Una lettura >>>

Analisi testuale >>>

Atomi >>>

Parole >>>

Percorsi >>>

Riflessioni >>>

I vostri commenti >>>

 

 

 

torna su

 

 

 

2003-2004 © Elisabetta Bertozzi - tutti i diritti riservati